utenti online

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

in chat
il dono 1
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

Credere o non credere... questo è il problema!

Discussione iniziata da Naty85 6 anni fa

Ciao a tutte,
argomento spinoso oggi :) me ne rendo conto!
Mia figlia per fortuna quest'anno pare abbia iniziato la scuola con il piede giusto. Memore dei problemi avuti negli anni precedenti, tra note, compiti di castigo, pianti e disperazione (mia), mi ero già preparata per un inizio spumeggiante, ma per fortuna, un pò perchè lei è cresciuta e maturata, un pò perchè la psicoterapeuta le ha dato una mano nel gestire le sue emozioni, le cose stanno andando decisamente meglio.
Ma ahimè ho un altro cruccio da risolvere... Farle fare il catechismo o no?
Io non sono credente, anche se ho praticamente quasi tutti i sacramenti (tranne l'estrema unzione :P), ma quando è nata mia figlia ho voluto battezzarla per paura che le succedesse qualcosa.. Ho iniziato ad interrogarmi sulla mia fede, e nel dubbio, ho voluto comunque affidare Martina nelle mani del Signore. Tantissime persone hanno criticato questa mia scelta, in primis i miei genitori, ma se giusta o sbagliata non so ancora dirlo. Era quello che sentivo di fare e l'ho fatto.
Ora il problema è più grande. Il catechismo per me non è stato altro che un modo per fare nuove amicizie e per imparare sani principi, come il rispetto, l'uguaglianza e la gioia dello stare insieme. Sono questi i motivi che mi hanno spinta ad iscriverla a catechismo, perchè lei crede, o meglio si è convinta perchè a scuola insegnano religione cattolica..
Io non voglio prenderla in giro e dirle che credo in Dio, che Dio esiste e che è tanto buono. Ma non voglio neanche dirle di non credere, se è quello che lei sente di fare.
Ma come spiegare il mio non fare il segno della croce quando si va in chiesa? Il mio non volerla portare alle prove di canto perchè non andrà al concerto di Natale?
Lei esce entusiasta dal catechismo, perchè sta con gli amici, perchè impara cose in cui crede e si sente una persona migliore. Non posso certo impedirglielo, ma come faccio a nascondere questo mio "non credere" senza che lei si senta sciocca? Se le dicessi che io non credo, che per me sono tutte sciocchezze, probabilmente le insinuerei il dubbio e la farei crescere con gli stessi problemi con cui sono cresciuta io. Non voglio portarle via questa gioia che prova ma non voglio neanche mentirle o farla sentire a disagio.

Aiuto.... Triste

Devi essere un membro di questo gruppo prima di poter partecipare a questa discussione

Discussioni correlate