utenti online

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online

in chat
il dono 1
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password:
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: Aborto volontario - Claudia Ravaldi ( psichiatra )

Aborto volontario - Claudia Ravaldi ( psichiatra ) 01/12/2016 04:57 #22897

  • Nottola65
  • Avatar di Nottola65
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 134
  • Ringraziamenti ricevuti 33
  • Karma: 0
Il mio atteggiamento potrebbe essere scambiato per tracotanza, NO, è indignazione.
Gli psichiatri che sanno bene cosa sia il Dolore Post aborto dovrebbero non solo affermare che bisogna ACCETTARE l'esperienza dolorosa e il percorso Luttuoso che ne deriva, ACCOGLIERE CIOE’ IL DOLORE DEVASTANTE che ne è conseguenza, un dolore che è umano, profondo, che mina l'anima, un dolore laico e non religioso ( almeno per me non è stato assolutamente un dolore per la consapevolezza del peccato commesso, ma era il Dolore di una madre che aveva perso un figlio con un aborto volontario nel momento in cui mi accorsi di aver commesso un terribile errore dopo circa 15 giorni dall’IVG quando scoprii di amare quel bambino più di quanto avessi amato suo padre o me stessa );

queste FIGURE PROFESSIONALI dovrebbero ANCHE mobilitarsi per divulgare e quindi PREVENIRE la comparsa di SINDROMI POST ABORTIVE, E DISTURBI DA SHOCK POST TRAUMATICO pretendendo che la Legge venga applicata COME SI DOVREBBE, aiutando le mamme quindi, ove possibile, a RIMUOVERE LE CAUSE che le indurrebbero alla interruzione di gravidanza, promuovendo anche colloqui psicologici dissuasivi gratuiti PREVENTIVI...

Anche la Dott. ssa Kustermann abortista alla Mangiagalli di Milano, interpellata qualche anno fa (2013) sull’Huffington Post riguardo alla necessità della presenza di un Centro Aiuto alla Vita in Clinica affermò che:


< (…) Per alcune donne può essere utile andare a parlare con le volontarie prima di decidere.
Per alcune la possibilità di ricevere un aiuto concreto , anche economico oltre che psicologico, può essere una Opportunità per proseguire una Gravidanza che non desideravano realmente interrompere (…)
d’altro canto, aggiunge la Dott.ssa , se una persona non ha dubbi sulla scelta di abortire il nostro compito è solo quello di restare al suo fianco con rispetto ed empatia (…) >
rimane quindi comunque contraria ad imporre alle donne un colloquio <obbligatorio> con un Centro di Aiuto alla Vita prima di <accettare> la Loro richiesta di abortire.


La Dott.ssa Kustermann è quindi un esempio di ginecologo abortista empatico, intelligente, onesto ed Umano.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Aborto volontario - Claudia Ravaldi ( psichiatra ) 04/12/2016 05:17 #22900

  • Nottola65
  • Avatar di Nottola65
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 134
  • Ringraziamenti ricevuti 33
  • Karma: 0
Penso non serva essere cristiani per pretendere che ad una madre in difficoltà economica e che sta subendo pressioni psicologiche venga offerto aiuto e supporto per poter portare avanti una gravidanza non programmata,
che le vengano proposte soluzioni a tutela di suo figlio
e non la più semplice lavatura di mani di un'interruzione di gravidanza volontaria, che è più semplice soltanto per il medico che deve piazzare due firme e rimuovere il concepito,

Non si fa prevenzione di Sindrome Post abortiva nei consultori e negli ospedali pubblici che attuano IVG per difendere la "sacralità" dell'aborto,
il diritto alla scelta è considerato SACRO e quindi non si può nemmeno dire che la scelta è sbagliata!
Nonostante ci siano evidenze scientifiche riguardo alla Depressione post abortiva , che è atroce e devastante.

"il senso di colpa e di responsabilità - dicono gli specialisti - verrebbe modulato attraverso una maggior accettazione della propria decisione e dei propri tempi di recupero, delle emozioni e dei vissuti che hanno accompagnato il percorso di perdita ",
ma Non aiutando, o tentando di aiutare la donna a non sbagliare!

Non si può impedire a due cuori di spezzarsi altrimenti si rinnegherebbe il DIRITTO ALL'ABORTO.
Se abortisse una donna in meno sarebbe il Fallimento della 19478!
Se abortisse una donna in meno, non verrebbe esercitato il Diritto all'aborto!! Questo secondo la logica aberrante e manipolatoria abortista che impedisce anche che la donna venga aiutata a riflettere con discernimento e a rivedere la sua decisione, mettendola alla prova, ciò sarebbe condizionamento e stigma morale!!
Questo è il paradosso!! Legge iniqua, inetta, stolta. Si nasconde il dramma che provoca! E solo per motivi ideologici, non si dice la Verità!
La Verità avrei voluto saperla per poter decidere in piena consapevolezza.
IL consenso deve essere INFORMATO e ci dovrebbe essere la frase: LO POTRAI RIMPIANGERE.

Verrà tra un po' anche sancito dalla Costituzione il Diritto all'Aborto, dato che lo Stato tutelerebbe solo le gravidanze coscienti e responsabili, e le altre cosa sarebbero? Reiette??
La scelta di morte della donna non deve essere pertanto intralciata, criticata,
Guai se qualcuno tentasse negli ambulatori IVG di farle cambiare idea!
Quale peccato sarebbe commesso? La sacralità dell'aborto - di questa legge per cui tante hanno lottato - verrebbe meno,
L'aborto avrebbe FALLITO e alcuni evidentemente non potrebbero tollerarlo,
sarebbe il fallimento di tutta la loro ideologia.

L'aborto non può essere vietato ( magari lo fosse! e lo dico io che ho abortito 20 anni fa, ho dei motivi per affermarlo con forza! ) , ma almeno venga combattuto, caso per caso, ogni istante, in ogni occasione con tutti i mezzi OFFRENDO SOSTEGNO.
Se il ginecologo facesse ecografie di quelle in cui si può ascoltare il cuoricino battere, molte donne cambierebbero idea in tempo, ad esempio.
Basterebbe avere qualche nozione di Biologia ed embriologia per capire, il piccolino ha una attività cerebrale intensissima, fabbrica neuroni e capacità ad ogni istante, la vita si evolve rapidamente e in maniera straordinaria, a quattro mesi di gestazione già riconosce la voce della mamma!

Ma la legge vuole che la donna Non cambi idea, la Legge Non permette alla donna di cambiare idea, altrimenti anni di battaglie a favore dell'aborto vedrebbero il fallimento, perché non avrebbero avuto ragione di esistere,
allora si permette ad una mamma di morire assieme a suo figlio.

Con gli abortisti , e ne conosco, non si può parlare.
Non ammettono dubbi, non esistono vie di mezzo, sono intransigenti.
Le Vie di mezzo ci sono, e queste devono essere salvate,
anche se agli abortisti non piace ( quelli ormai vetusti e superati, perché la vita evolve per tutti, e i figli o seguaci di questi ).
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Tempo creazione pagina: 0.228 secondi