utenti online

Abbiamo 45 visitatori e 4 utenti online

in chat
il dono 1
gruppo AMA post aborto 0
gruppo AMA mammesingle 0
aiutaci!

sostieni il progetto de IL DONO con una donazione!

offerta:   EUR

abortire non sarebbe stato meglio.

Mi chiamo Raffaella,ho 21 anni e questa è la mia storia.
A febbraio ho conosciuto un ragazzo tramite facebook abbiamo cominciato a frequentarci e ci siamo fidanzati. All'inizio sembrava un bravo ragazzo, uno normale come tanti. Purtroppo però dopo un paio di mesi si e rivelato per quello che è, ed ora posso solo definirlo un essere schifoso. Ha il vizio di bere e se non aveva i soldi per ubriacarsi diventava violento e mi picchiava.
Pensavo che con il mio amore lo avrei cambiato o almeno che avrei potuto aiutarlo ad uscire da questo baratro:tutto inutile era solo una mia illusione. Dopo 5 mesi di fidanzamento iniziò a dirmi che voleva un figlio da me. Non ero affatto d'accordo: non era proprio il momento giusto, non ero sicura di volere un figlio da lui: non era come avevo sperato...no, fare un figlio non era proprio la cosa migliore. Eppure insisteva e alla fine in modo nell'altro lui è riuscito a fregarmi.
Era agosto quando scoprii di essere incinta.
Nonostante la paura per la situazione e per tutto, ero in fondo contenta della notizia perchè anche se sono molto giovane ho sempre sentito il desiderio di diventare mamma, e so che un bambino regala gioia. Così mi sentivo per questa gravidanza: piena di gioia, anche se tutto era a sfavore.

Non fu così per quelli che avevo intorno: la mia famiglia non era affatto contenta, e questo era più che comprensibile poichè conoscevano il padre. Sono stata testarda e accecata dall'amore che ancora sentivo per lui ho deciso di portare avanti la gravidanza ad ogni costo.
Ho detto un sacco di bugie alla mia famiglia, facendo finta di andare in ospedale con la scusa di vedere se quel giorno o quello dopo mi avrebbero fatta abortire.. in tutte queste cose sono stata aiutata da una amica vera..
Arrivò l'undicesima settimana: ormai il tempo per l'aborto stava scadendo e mia madre dovette arrendersi. Mi disse "ok, tienilo" ma pose come condizione che io lasciassi il padre del bambino. Dissi di sì sul momento per farla tranquillizzare, ma non lo feci: ero ancora illusa, forse, che le cose potessero cambiare..
Ho dovuto accettare la realtà quando il 10 ottobre mi hanno ricoverata perchè il mio ex mi aveva picchiata: non voleva più questo figlio, si era stufato, aveva trovato un'altra donna con cui stare..
Ora è completamente sparito dalla mia vita, sono al 5 mese di gravidanza e mia figlia sta bene e crece.

Qualcuno potrebbe pensare che sarebbe stato meglio l'aborto vista tutta la situazione e la mia giovane età. Per me non è così: è vero, abortire dura cinque minuti ,ma poi te ne penti tutta la vita, e soffri molto di più; sentire una nanetta o un nanetto che si muove dentro di te è invece una cosa indescrivibile, una gioia immensa..
So soltanto che ci sono persone speciali che sono pronte ad aiutarci e per questo spero che tutte le ragazze o le donne in difficoltà che stanno leggendo, ci pensino bene prima di abortire, perchè quella vita innocente, quel bambino non c'entra niente se noi ci siamo messi nei guai, ma tutti i sacrifici che ora facciamo saranno ripagati dall'amore dei nostri piccoli.